CORSO PROFESSIONALE PER PROGRAMMATORI MOBILE

Arkigest Srl in collaborazione con Formatemp, Fondo per la formazione e il sostegno al reddito dei lavoratori in somministrazione, Challenge Network, azienda operante nel settore della consulenza aziendale e nella formazione manageriale in partnership con Philmark Informatica spa, società di consulenza di servizi informatici e soluzioni di business integrato, ha organizzato un Corso Professionale per Programmatori MOBILE.

Il corso, tenutosi a Roma presso il Polo Didattico in Piazza Oderico da Pordenone, si è svolto da febbraio ad Aprile 2017 e si è sviluppato in 30 incontri continuativi da 8 ore ciascuno, per 5 giorni a settimana, dal lunedi al venerdi. L’iniziativa formativa, rivolta a persone in stato di disoccupazione, ha riscontrato grandissimo interesse da parte dei 15 frequentanti che vi hanno preso parte; ne è stato apprezzato l’approccio ben equilibrato tra teoria e pratica, che ha favorito un apprendimento di facile e immediata trasferibilità nel contesto di lavoro.

PERCHE’ UN CORSO PROFESSIONALE PER PROGRAMMATORI MOBILE?

Il Corso è stato creato con l’obiettivo di fornire le basi fondamentali per la progettazione di applicazioni strutturate ad oggetti tramite l’utilizzo del linguaggio JAVA, da implementare in ambienti di sviluppo Android. La figura del programmatore Mobile è tra le più ricercate oggiorno dato l’utilizzo capillare e sempre più diffuso dei dispositivi MOBILI, e della crescente richiesta da parte delle aziende di produrre e sviluppare applicazioni smart supportate da dispositivi come tablet e smartphone di ultima generazione. Il Corso è venuto incontro a queste esigenze permettendo non solo di imparare un attuale e linguaggio di programmazione, ma anche di posizionarsi all’interno del mercato del lavoro nei più disparati settori tecnologici.

AZIENDE PROMOTRICI&COINVOLTE

Modulo n. 1: Ciclo dello sviluppo, principi di programmazione – 16 ore (6 ore teoria l 10 ore esercitazioni) Introduzione al ciclo di sviluppo del software; metodologie di gestione; introduzione alla programmazione Object-Oriented: classi e oggetti; campi e metodi statici; costruzione di oggetti; ereditarietà; polimorfismo; overriding/overloading. La fase di analisi: UML. Diagrammi delle classi e degli oggetti. Diagramma dei casi d’uso, diagramma degli stati.

Modulo n. 2: La piattaforma JAVA, Utilizzo di Netbeans, Assegnazioni – 12 ore (3 ore teoria l 9 ore esercitazioni) La piattaforma Java: SDK, JVM, bytecode. Utilizzo di un ambiente di sviluppo integrato: Netbeans: creazione e import di un progetto, utilizzo del debug. Un semplice programma java; commenti, tipi di dati; tipi primitivi, dichiarazione di variabili; costanti; operatori; controllo del flusso; modificatori di accesso; array; Istruzioni per il controllo del flusso. Assegnazioni: stack, heap, classi Wrapper, boxing, Garbage Collection.

Modulo n. 3: Progettazione ed analisi – 8 ore (6 ore teoria l 2 ore esercitazioni) Progettazione ed analisi orientata agli oggetti. Ereditarietà, classi astratte, interfacce. + Aggiungi una nuova categoria

Modulo n. 4: Ereditarietà in java – 16 ore (4 ore teoria l 12 ore esercitazioni) Incapsulamento, polimorfismo; overloading/overriding, Reference variable casting, classi astratte; implementazione di un’interfaccia, costruttori e istanziazione, Statics, Accoppiamento e coesione.

Modulo n. 5: Eccezioni, Collection Framework, Stringhe, I/O – 12 ore (6 ore teoria l 6 ore esercitazioni) Gestione delle eccezioni: come lanciare ed intercettare una eccezione. Stringhe e I/O: String, StringBuilder, StringBuffer, File navigation, Serializzazione. Collection Framework: Set, List, Map, Arrays, Collections. Generics.

Modulo n. 6: Java per Android – 16 ore (6 ore teoria l 10 ore esercitazioni) Introduzione al linguaggio Java per Android – rivisitazione di Collections e gestione dell’errore – strutture dati per applicazioni mobile – trappole Modulo n. 7: Introduzione alle tecnologie Android e architettura di base – 24 ore (16 ore teoria l 8 ore esercitazioni) Introduzione all’ambiante di sviluppo – Android SDK – cenni di app ibride – Activities – Widget e layout – AdapterView e Adapter – RecyclerView e LayoutManager – Fragments

Modulo n. 8: Layout, utilizzo di servizi web e persistenza dei dati – 24 ore (12 ore teoria l 12 ore esercitazioni) Supporto dispositivi con risoluzioni diverse e diverse grandezze – Network con cenni su webservices – Salvataggio dei dati (Preferences, cache e file) – Toolbar – AndroidManifest – Frameworks più utilizzati e compatibilità

Modulo n. 9: Strumenti avanzati, database e debug di applicazioni – 32 ore (22 ore teoria l 10 ore esercitazioni) Google Play Services e cenni di Firebase – Services e BroadcastReceiver – Geolocalizzazione – Mappe – Database SQLite – Debugger

Modulo n. 10: Utilizzo di REST e webservices con Retrofit – 8 ore (4 ore teoria l 4 ore esercitazioni) WebServices da Android – Requisiti per l’utilizzo di Retrofit – Cenni su GSON – Creazione di richieste sincrone e asincrone e del client REST – Gestione della risposta – Gestione degli errori

Modulo n. 11 Project Management / Competenze Trasversali 16 ore (8 ore teoria, 8 ore pratica) Comunicazione efficace, lavoro in team, time management

Modulo n. 12 La consulenza nel settore informatico 8 ore (8 ore teoria) Case History Modulo n. 13 – Swift, architetture e introduzione allo sviluppo – 24 ore (14 ore teoria, 10 ore pratica) Panoramica dell’architettura di iOS – Il Linguaggio Swift -Framework da utilizzare – XCode e l’ambiente di sviluppo – Architettura di un’app mobile in ambiente iOS: componenti fondamentali – Model View Controller – UIView, UIViewController – IBOutlets, IBActions Modulo n. 14 – Controls e interattività delle applicazioni 16 ore (10 ore teoria, 6 ore pratica) Implementare una tabella (UITableView) – Implementare una finestra a scorrimento (UIScrollView) – Lavorare con la UISplitView e Popover (solo per iPad) – Utilizzo di delegates – Usare le gestures – Utilizzare le libreria di Immagini con XCAssets – Utilizzare la fotocamera e la videocamera – Salvare i dati tramite NSUserDefaults – Localizzare l’App in diverse lingue – Debug dell’App tramite NSLog e Breakpoints.

CONDIVIDI SU
SEGUICI SU:
error: